R&S 10/22/2010

Baraclit adotta la tecnologia RFID per un efficiente servizio post-vendita

BaraclitGià da mesi Baraclit impiega il nuovo sistema RFID all’interno del proprio ciclo produttivo per la ricerca, la localizzazione spaziale e la piena tracciabilità nel tempo delle strutture prefabbricate. Un metodo che permette di risalire alle informazioni di vita di ogni manufatto, anche a distanza di anni, e di svolgere interventi di manutenzione mirati.

RFID (Radio Frequency Identification) è una nuova tecnologia di codifica automatica di oggetti, animali e persone, mediante una trasmissione a radio frequenza di dispositivi elettronici (chiamati TAG o transponder), basata sulla capacità di tali apparati di memorizzare e reperire i dati in essi racchiusi.

Le componenti del sistema, un chip con funzioni di controllo e di memoria, connesso ad un’antenna e inserito all’interno del prodotto, un ricetrasmettitore e un sistema di gestione, comunicano fra loro attraverso segnali radio senza necessità che le apparecchiature elettroniche siano visibili o richiedano un contatto fisico.

Baraclit ha dapprima sperimentato la tecnologia RFID sulle coperture Aliant e Pianaliant, affiancandola al tradizionale metodo identificativo dei cartellini plastificati con un codice a barre di riconoscimento, univoco in quanto assegnato al singolo pezzo dalla progettazione fino alla consegna e posa in opera.

Solo dopo attente valutazioni e i riscontri positivi di un progetto pilota, l’Azienda leader nel settore dell’edilizia industrializzata ha deciso di applicare sistematicamente al prodotto di punta, la copertura Aliant, la modalità RFID. Una tecnologia che non necessita più di etichette ispezionabili ma consente di imprimere la codifica all’interno del tegolo alare in un microchip di durata illimitata, annegato nel getto del manto in calcestruzzo e fibrocemento.

I tecnici Baraclit hanno dunque realizzato un software per elaborare l’associazione tra il codice a barre del manufatto e il codice del TAG in esso introdotto, memorizzando tutte le informazioni in un database storico così da renderle disponibili nel tempo e facilitare la ricerca del pezzo corrispondente. Sarà quindi possibile recuperare la carta di identità di ogni elemento e tracciare il suo percorso ricostruendo le operazioni effettuate, il giorno di produzione, i dati geometrici, di qualità e le materie prime utilizzate, con relativi tempi di lavorazione, giacenza e destinazione finale.

Print Friendly and PDF